Mappa Comitati – Fare tap sulla regione

Divisione Punti Master

L’art. 3.1.3 dell’agenda dello sciatore alla recita che “dalla stagione 2012/2013 tutti i punteggi delle gare Master verranno registrati in un database riservato alla categoria e pertanto verranno stilate due Liste Punti FISI, una per la categoria Senior/Giovani e una per lacategoria Master. L’atleta Master pertango potrà essere punteggiato in entrambe le Liste in base alle gare disputate”.

Questo è quanto avrebbero deciso e dico avrebbero perché nel corso della stagione si sono avute notizie contrastanti che smentivano quanto scritto in agenda.

Che ne pensate della decisione della divisione punti master da quelli senior, e che ne pensate della possibilità che ciò non avvenga?
Il fatto che la federazione prenda decisioni che poi nn riesce a mantenere non e’ nuova, vedi aggiornamento punteggi in corso di stagione, il tutino per i più giovani…. Prontamente poi smentite malgrado la decisione presa.
Personalmente ritengo che sia un falso problema, dato che i master sono comunque senior (essendo una sottocategoria) che prendano anche i punteggi senior; a quella stregua dovrebbero esserci anche i punteggi divisi per i giovani…

[polldaddy poll=7079335]

Check Also

Riflessioni e proposte by Paolo Lora (vicepres. Sci Club Marzotto)

Ciao a tutti, vi proponiamo alcune riflessioni e proposte inviateci da Paolo Lora, vicepresidente dello …

12 comments

  1. giuseppe tagliabue

    Mi rendo conto che diventa difficile accontentare tutti.
    Il comitato a cui appartengo è sempre stato quello delle Alpi Centrali.
    Fino alla stagione 2011/12 le gare master r avevano una normatica completamente diversa rispetto agli altri comitati. La discrepanza tra penalizzazione applicata e la partecipazione di atleti molto più forti dei punti in loro possesso, rendeva difficile (se non impossibile) migliorare il proprio punteggio a tutti gli altri. Nonostante ciò, a differenza di altri, non ho mai sconfinato in cerca di “gloria”. Ho provato ad avere 40, anche 50 punti in più rispetto ad altri amici; poi, nella realtà delle gare, mai è successo che mi refilassero 3 o 4 secondi.
    Con il comitato AC mi sono abituato a subire anche altre inspiegabili decisioni.
    Adesso, mi dispiace che anche la Fisi voglia ghettizzare la categoria; e per me ghettizzare vuol dire allontanare.
    Questo è e rimane il mio pensiero.
    W LO SCI e …….. arrivederci alla prossima stagione.

  2. alberto savini

    amici , mi dispiace ma i punti interessano eccome perchè sono la sintesi di tanto lavoro di preparazione, sia atletica che tecnica . Nel nostro sport non si inventa niente ,e voi lo sapete bene , se vuoi avere dei risultati ne devi mangiare di pali e alla fine di tanto lavoro quale è il dato che ci gratifica e ci lusinga ? la conferma o meglio il miglioramento dei punti fisi ! ! ! non c’è niente che mi soddisfa di più e che mi ripaga ampiamente di tutti gli sforzi profusi ( anche quelli economici ) . punti miralanza , punti prealpino , frega niente Gianluca , basta che siano punti di una lista nazionale unica con il cappello della federazione italiana sport invernali . Se non interessasse l’egida della fisi sarebbero nate altre manifestazioni parallele tipo gli all-stars i quali le loro gare se le fanno durante la settimana e se ne guardano bene da organizzare qualcosa di sabato o domenica ! chissà come mai ? cosa gli manca ? hanno coppe spettacolari e premi a estrazione veramente interessanti ! cosa gli manca allora ? gli mancano i punti non essendo gare riconosciute dalla fisi ! il giuseppe dice che la divisione e un modo di ghettizzare i master ? sono assolutamente daccordo perchè non ci sarebbe più l’unicità della lista e quindi i nostri punti non avrebbero più la stessa valenza che hanno oggi e di conseguenza verrebero a mancare tutti gli stimoli che ci muovono e che ci spronano a lavorare e faticare. Quanto al fastidioso discorso sul fatto che i punti master ( o più precisamente i punti dei master B ) non possano essere paragonati a quelli che escono dalle gare dei senior vorrei far notare che , per esempio , un Peter Fill (discesista ) ha più o meno 15 punti in gigante : ora i grandi campioni senior della ski race cup si aggirano intorno ai 20 ma anche meno . Questo significa che in un gigante di 1 minuto sulla stella alpina il senior dilettante dovrebbe accusare 1 ritardo da Peter di circa 3 / 4 decimi . neanche se gli spuntano le ali . Ecco quindi un altra divisione da fare ! e che dire riguardo alla difficoltà delle piste ? qualcuno potrebbe dire ma come : io ho fatto i punti a Temù quell’altro ha fatto gli stessi punti a Borno saranno mica uguali per caso ? cosa facciamo la lista dei punti fatti a Bormio e quella dei punti fatti al passo Rolle ? e così via , la deriva è infinita.

  3. CARLO Bartesaghi

    Giuseppe, se dovessero organizzare una gara come dici crefo che partirei lo stesso, ma é il mio atteggiamento normale, che comunque ci provo, poi se nn va potrei anvhe decidere di fermarmi. Ma ma a priori non partirei. !
    Che poi sia un ambiente di esagitati é abbastanza vero, forse tu non lo sei, però ce ne sono molti e a tutti interessano i punti….e chi dice il contrario mente, sapendo di mentolo…E anche vero che si dovrebbe scendere un attimo sulla terra, e , forse metterci appunto quella goliardia che spesso purtroppo manca.

  4. giuseppe tagliabue

    Caro Carlo, se dovessero riorganizzare una gara a Bormio sulla pista Stelvio, magari in notturna, con una condizione di innevamento non ottimale, prova ad iscriverti e partire per ultimo. Poi mi racconti. Caro Gianluca, la politica non mi interessa. Perchè dici che siamo “una banda di esagitati?” Io di esagitati non ne ho mai visti, anzi nelle gare master vince sempre la goliardia. Dire poi che siamo “cosiderati giustamente una categoria periferica” che però può “causare qualche disagio alle casse della federazione”,………francamente rimango senza parole.
    Personalmente partecipo alle gare e un po’ i punti mi interessano. Anzi, finita lka gara a tutti (nessuno escluso) interessa sia la classifica sia i punti. Ricordo anche che, a differenza dei punti miralanza, si concorre per averne di meno di punti fisi.

    • Gianluca Ronchetti

      Caro Giuseppe, premetto che condivido lo stesso spirito goliardico ma non posso che essere assertivo di fronte ai fatti:i punti fisi hanno una valenza ridicola perché l’attuale sistema ci permette di non essere per niente obbiettivi e mi spiego:ci sono gare/percorsi dove i punti si fanno scendendo bendati ed altre dove si prendono palate solenni e poi ci sono gare dove la solita ristretta cerchia di atleti se la gioca e non esce mai dal proprio territorio e purtroppo il sistema attuale favorisce i calcolatori e non i veri appassionati diversamente non ti spiegheresti perché chi fa 100 punti in una master r ne fa 120 in una n e se va in coppa Italia o peggio ai campionati italiani se ne porta a casa 150 deve farsi il segno della croce con le ginocchia!Ed allora no credi che non esiste al momento un reale valore assoluto?di conseguenza e’ facilmente deducibile che a dare troppa rilevanza ai nostri punti si corre il rischio di inquinare un po’ troppo la nostra lucidità mentale….è come la chiami questa obiettività o esagitazione.?guarda Giuseppe che sono io il primo nel predicare bene e razzolare male (figurati avrei meno punti senior che master…per cui mi converrebbe starmene zitto!)ma la realtà e’ questa tanto più che nelle gare master si è’ costretti ad un pettorale definito dall’anagrafe e non dal valore tecnico per cui la cosa passa ancor di più in secondo piano.pensa invece se esistesse una commissione tecnica che imponesse preparazione delle piste e tracciature sensate per i master (tipo 27/28 metri)sai quante soddisfazioni in più ognuno di noi raccoglierebbe?io ci farei la firma e rinunzierei ai miei 30 punti per averne anche il doppio.ho fatto gare la scorsa stagione dove (malgrado sia A4 dunque teoricamente abbastanza favorito )ho preso tutti i rischi del caso ma meno di 3 secondi dal primo era impossibile prendere e gare dove su terreni ben allestiti lo stesso primo mi guardava la coda ed allora cosa vuoi che valgano i punti se non il sentirsi dei veri solo sull’ordine di partenza?in merito alla mia. Considerazione sui disagi causati intendevo dire che alla federazione conviene rivedere questa scissione dichiarata perché i master corrispondono ad un numero importante di tessere dunque quattrini ai quali in questo momento sarebbe dannoso il dovervi rinunciare.ti ricordo infine che in Italia in atleta diventato senior o è’ in zona squadra o e’ inutile agli occhi federali dunque agli stessi occhi quanto credi che possa valere un master se non il mero valore economico della tessera che tutti gli anni e’ costretto a pagare?ti auguro con estrema sincerità di vincere in futuro molte gare anche al costo di fare il triplo dei punti di quanti ne avresti fatti in altre arrivando secondo!

  5. Scusa ma dove sta l’ipocrisia? E perchè saremmo ghettizzati? Come già detto e’ un falso problema, ma anche se fosse che problema è? Vogliamo essere considerati senior? E allora teniamoci i punti che abbiamo ! Se invece vogliamo essere considerati master lo siamo fino in fondo e avremo punteggi separati. Ad un certo punto non possiamo considerarci master quando ci fa comodo e senior quando non conviene, per poi tirar fuori il tema della sicurezza! Sicurezza poi in che senso? Tracciato facile agevole , tipo allenamento? O tracciati che si possano ritenere tecnicamente validi che appunto permettano a tutti di concorrere quasi allo stesso modo?

    • Gianluca Ronchetti

      Secondo me la verita’ e’ questa: per consiglio federale i master sono considerati giustamente una categoria periferica(per dirla educatamente) tant’e’ che neanche il consigliere referente si e’ mai presentato ad una gara ed il responsabile di commissione non e’ consigliere federale (gia’ questo la dice lunga…) pertanto la sparata di qualche ben pensante e’ stata presa alla lettera ed ecco comparire in agenda questa solenne sciocchezza!A questo punto accade che al consiglio federale qualcuno che riesce ancora a fare 1
      +1 (sapendone il risultato esatto) fa pervenire il messaggio che fare incazzare una banda di tanti esagitati che pagano la tessera fisi avrebbe potuto causare qualche disagio alle casse della federazione ed allora fermi tutti!Risultato, Roda che il Presidente lo fa anche bene si presenta alle finali di coppa Italia all’Abetone e il buon Ravaschio che di passione ne ha da vendere e ci vede lungo coglie la palla al balzo e riporta tutto come prima, anzi meglio: accorpa senior e master alzando la soglia di età’ per i senior e per il gruppo A.Scommetto quello che volete che finisce così per la gioia di tutti(tranne per gli A5 che si cuccheranno i B6).Cosi la prossima stagione ognuno di noi potrà’ andare dove preferirà con i suoi bei punti miralanza(perché questo valgono i punti fisi).

  6. giuseppe tagliabue

    Quanta ipocrisia…….perchè cercare di ghettizzare i master con un’ altra lista fisi quando il vero problema è che ai giovani e ai senior non va di partire dopo i master? ma scusate, quanti master partecipano alle gare senior? se alle gare continueranno a diminuire gli iscritti e inevitabilmnente si dovesse arrivare ad organizzare nella stessa giornata e nella stessa manifestazione sia la gara master sia la gara giovani/senior, si terrà in considerazione il fattore sicurezza? il problema dei “punti” non esiste, come giustamente detto è il crono l’unico giudice. La regola rigurdante l’ordine di partenza inerente al “trofeo delle regioni” dovrebbe essere applicata a tutte le gare, e questo non per una questione di diritti acquisiti, ma per questioni di sicurezza. Che facciano pure i punti master, io non li voglio.

  7. Gianluca Ronchetti

    Io credo che il nuovo responsabile della nostra categoria sia molto sensibile alla questione e soprattutto dei divari tecnici che fisiologicamente esistono.Sono convinto che Enrico Ravaschio farà di tutto per arrivare ad una soluzione meno frammentaria ed assurda come quella che si prospetta in Agenda .Di certo c’è che un grosso aiuto può arrivare dalle società organizzatrici nel valutare la capacità organizzativa delle località di gara:una pista ben preparata ed un tracciato ad hoc favoriscono il divertimento del primo fino all’ultimo dei partenti.

  8. alberto savini

    . . . . . . e quelli divisi tra dilettanti e professionisti . . . . . ridicolo . Piuttosto perchè non prendono iniziative per incentivare il nostro sport ? non vedono che stiamo morendo a livello dilettantistico ? quante gare senior sono state annullate per mancanza di iscritti ? e che dire delle gare master con 80/100 iscritti in gare che solo pochi anni fa vedevano partecipazioni ben più nutrite ? personalmente penso che nel caso in cui dovessero andare avanti con questa follia , non avrei più la spinta e la voglia per continuare a fare tutto quello che faccio per mantenere un buon livello di preparazione agonistica. per non parlare di quanto costa una stagione tra allenatore , trasferte , un numero imprecisato di sci , ski pass , scarponi , scioline , usura delle macchine , alzatacce con qualsiasi tempo ecc. ecc. e tutto questo per che cosa ? per niente ovvero per vedere la faccia di un cretino che mi dice ” hai visto che i tuoi 60 punti non c’entrano più niente con i 20 punti di mio figlio e soprattutto quel master B con 25 punti non potrà più partire in primo gruppo nelle gare senior” . Non mi interessa ! vado da un’altra parte .

    • In un momento come questo di crisi così devastante è difficile trovare iniziative valide. A parte la crisi, che è il motivo maggiore, bisognerebbe cercare di capire il perché di questo calo. Le norme di ammissione che di fatto appiattiscono i punteggi e quindi la difficoltà per i meno bravi di migliorare il loro punteggio? L’entrata dei trentenni che aumentano il divario tra i master A.? O che altro? Certamente non è la paventata divisione dei punteggi tra senior e master a causare questo calo. Tra l’altro in effetti è un falso problema come esposto nella domanda. La domanda è anche 25 Punti di un master B che valenza hanno. Come scriveva qualcuno “fu vera gloria?” Bisognerebbe rivedere le categorie dei Master e di conseguenza il calcolo delle penalità. E’ chiaro che sono due mondi diversi. Può un B9 un B10 o addirittura un B11 competere con un B6? Ed un A5 con un A1? E i 25 punti di un B6/B7 Valgono quelli di un A1/A2?. Il fatto che poi incidentalmente partecipino a gare Senior non cambia la sostanza delle cose…..il crono poi alla fine è l’unico giudice….

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *